Intervista alla scrittriceMelania Fusconi

Melania Fusconi, giovane scrittrice fantasy,nasce a Ravenna il 17 maggio del 1985. Ha frequentato il liceo artistico Nervi di Ravenna dove ha affinato le sue doti grafiche.
Ha pubblicato due romanzi della saga “Le anime di Leggendra” dedicata al personaggio di Alhena Blanck: “I cimeli ancestrali” (Tabula fati, Chieti 2019) e “La viaggiatrice” (Tabula fati, Chieti 2021).

Trama di “Le anime di Leggendra”
Protetto da una barriera magica all’interno della foresta di Evergreen, il Villaggio Celato di fatto separa i suoi abitanti dal resto del regno, tenendoli all’oscuro tanto delle brutture, che l’impero non risparmia, che delle bellezze di Leggendra e delle sue caleidoscopiche città.
Il desiderio di attraversare quelle terre e di conoscere chi ci vive diventa la massima aspirazione dei giovani villici, in particolare di qualcuno, animato da sentimenti di amor patrio e di vendetta e da una smisurata sete di giustizia. Alhena, la diciassettenne pupilla di mastro Haber Krono, una delle massime autorità del villaggio, insegue e persegue l’ideale di lotta che fu di sua madre, in aperto contrasto con un futuro che sembrerebbe già deciso, se non fosse per quella smania che sente dentro e che a volte si manifesta con delle strane crisi nelle quali rivive situazioni che non le appartengono. Muovendosi fra Nog e Gifter e sempre difendendo a spada tratta i più deboli dalle grinfie dell’impero, ben presto scoprirà che la magia è un dono che cresce, un potere che riempie o svuota, a seconda dell’uso che ne farà chi ne è dotato.

Trama di “La viaggiatrice”
Nelle vesti della schiava nobile Lady Ilse, l’impavida Alhena perlustra il Castello alla ricerca di indizi sui piani dell’Impero. Ira Arren, il “padrone” di ben nove giovani scelte per soddisfarlo, le dà filo da torcere, eppure non quanto la strana governante, Madame Pricet. Ma presto il passaggio per il Castello si rivela solo una tappa per una missione più importante che la porterà per mare e per isole, insieme ad amici conosciuti e nuovi amici, non sempre umani. Nella certezza che nulla accade per caso, Alhena si scopre ogni giorno più forte, più determinata e più pronta per un traguardo che sembra, purtroppo, ancora lontano.

Ma ora conosciamola meglio tramite questa breve intervista che le ho sottoposto qualche settimana fa e a cui ha accetato di partecipare.
Riporto di seguito le sue risposte senza modifiche, tagli o aggiunte da me apportate.

  • Per iniziare, c’è qualcosa di te, del tuo carattere o delle tue passioni che ti piacerebbe farci sapere? 

Oltre a scrivere amo alla follia disegnare. Nel tempo libero coltivo questa mia passione, disegno fumetti, dipingo fiori, do vita a ciò che ho nella mia mente fantasiosa.

  • Cosa ti ha spinta ad intraprendere la carriera di scrittrice?

Avevo una storia da raccontare ed essendo molto lunga e tortuosa decisi di scriverla.

  • Sei stata incoraggiata o aiutata da qualcuno e se sì, da chi?

Mio marito è stato il primo a sostenermi, quando avevo il blocco dello scrittore c’era sempre lui a farmi tornare la voglia di proseguire.

  • Com’è nata l’idea del tuo primo libro? 

La storia ha preso vita a fumetti, disegnavo giorno e notte finchè non ho deciso di farne un libro, o meglio, una saga, e “Le anime di Leggendra – I Cimeli Ancestrali” è il primo della serie a cui segue “La viaggiatrice”, uscito a Febbraio 2021.

  • Sei riuscita a pubblicare subito o, come spesso succede, ha ricevuto qualche rifiuto?

Sono stata molto fortunata! Perché la casa editrice a cui mi presentai fisicamente durante la fiera di Stranimondi a Milano, la Tabula Fati, accettò subito di dare vita al mio sogno libroso! Li ringrazierò sempre!

  • Quali sono state le difficoltà più grandi che hai trovato mentre scrivevi?

Tenere a freno la mia fantasia! Avevo talmente tante cose da dire, da descrivere, che alla fine molte cose sono state tagliate per non sviare dal percorso della storia principale… ma chissà, magari un giorno farò una versione “estesa”!

  • I tuoi personaggi sono stati creati ispirandosi a persone reali oppure hai deciso da zero come dovevano essere?

Alcuni dei personaggi hanno delle caratteristiche di persone che conosco, sì. Perciò non è stato difficile dar loro vita. Per quanto riguarda i “villains” ho cercato di costruire i personaggi usando tutte le qualità negative del genere umano. Devo ammettere che non è stato facile perché il “lato oscuro” ha una sua complessità da non sottovalutare. Sicuramente in Alhena c’è un po’ del mio carattere, non lo posso negare!

  • Per quanto riguarda la lettura quali generi preferisci leggere?

Adoro i fantasy, ma ho letto molti altri libri di altri generi, come quelli di Italo Calvino, autore che ha acceso in me la passione della lettura.

  • Esiste uno o più libri che hanno avuto una grande influenza nella tua vita?

Come dicevo, Italo Calvino mi ha ispirata, “Il cavaliere inesistente” è il mio preferito. Poi ho letto la “Storia infinta” di Michael Ende, e alcune saghe di Licia Troisi, furono i suoi libri a darmi il coraggio di iniziare a scrivere.

  • Fai un altro lavoro oltre a scrivere?

Sono la Presidente di Resmart s.r.l., una piccola ditta che lavora nel campo dell’informatica. Un lavoro totalmente differente dalle mie passioni ma che comunque mi piace e mi da tante soddisfazioni.

  • È uscito da poco il tuo secondo romanzo, hai nuovi progetti in vista? Stai scrivendo un nuovo libro? Puoi anticiparci qualcosa?

Sicuramente della saga di Leggendra né previsto un terzo, se non un quarto! 😀 Come dicevo è quasi una “storia infinita”! Ma ho un’altra storia in mente, diversa ma sempre sul genere fantasy, chissà che appena sarà finita questa saga non riesca a dare il via a quest’altra piccola “luce”!

  • Ci sono dei consigli che vorresti dare ad aspiranti scrittori/scrittrici?

Consiglierei loro di farlo, di scrivere. Devono liberare la loro fantasia. Devono partite dalla fine per poi arrivare all’inizio, partite dal mezzo per poi arrivare all’inizio o viceversa. Se qualcuno ha qualcosa da raccontare, deve scriverlo. Scrivere fa bene, distende la mente e fa emozionare. Io stessa ho pianto in certe scene che ho scritto. Si deve credere in sé stessi prima di tutto, scrivere la storia come uno se la sente, poi dovranno cercare un BRAVO editor e un BRAVO editore, loro sapranno come valorizzare al meglio le opere!

  • E per finire c’è qualcosa che vorresti aggiungere o raccontarci su di te o i tuoi libri?

Potrei svelarvi che le copertine dei miei libri sono anch’esse delle mie creazioni! L’editore mi ha dato anche questa preziosissima possibilità e io ne sono strafelice! Non è da tutti poterlo fare e io mi sento davvero molto fortunata! Poi, nella mia pagina instagram, @melania_fusconi, troverete tante curiosità e illustrazioni sul fumetto! Che aspettate? Venite a scoprire Leggendra, vivete le avventure di Alhena!

Ringrazio Melania Fusconi per la disponibilità e il tempo che mi ha dedicato per rispondere alle domande della mia intervista.
E per concludere vi lascio di seguito un estratto di “Le anime di Leggendra”

Il Portale si spalancò davanti a lei come se una forza invisibile lo stesse tirando dall’esterno. Con la spada in mano, Alhena rimase immobile finché non si schiuse del tutto. Allora puntò gli occhi verso il buio al di là del confine.
Così aperto, sembrava una finestra su un altro mondo.”

Alla prossima intervista!

“Una vita da ricostruire” di Brigitte Riebe

Eccomi qui con una nuova recensione.
Oggi volevo parlarvi del libro “Una vita da ricostruire” di Brigitte Riebe edito da Fazi Editore e pubblicato il 18 marzo 2021.

TRAMA
Berlino, maggio 1945: è l’ora zero.
Il vecchio mondo è finito.
La città è ridotta a un cumulo di macerie, così come le anime dei suoi abitanti.
La villa dei Thalheim, agiata famiglia di commercianti, è stata requisita e il loro negozio di abiti è stato bombardato.
Le donne di casa, rimaste sole dopo che gli uomini sono scomparsi in guerra, devono ricominciare tutto da capo.
Le tre sorelle Rike, Silvie e Florentine, trascinate dalla determinazione della maggiore, imprenditrice nata, decidono di provare a realizzare un sogno: riaprire l’attività di famiglia, riportare colore nella tetra Berlino del dopoguerra con tessuti sofisticati e abiti alla moda, riuscire a far sì che le berlinesi tornino a sentirsi donne. Riesumate le Singer, le forbici da sarta, i vecchi cartamodelli e le preziose stoffe che Rike aveva saggiamente nascosto insieme al padre, le ragazze si rimboccano le maniche e nel giro di poco le loro creazioni sono sulla bocca di tutti.
Ma i tempi nuovi portano nuovi problmi: oscuri segreti inaspettatamente rivelati gettano una luce ingloriosa sull’attività e sulla famiglia, mettendo tutte a dura prova.
Gelosie fra donne, amori, storie torbide del passato che riemergono a sparigliare le carte, il lontano scintillio della Berlino capitale della moda che torna a risplendere…
Tutto questo, ma anche molto altro, nel primo capitolo della nuova trilogia bestseller “Le sorelle del Ku’damm”.

ESTRATTO


“Puntò gli occhi su di lui, che a sua volta la fissò con sguardo fermo. Adesso che Rike conosceva la verità sulle proprie origini, le sembrava assurdo non avere mai notato la sua somiglianza con quell’uomo: aveva i suoi occhi, il suo mento, i suoi ricci, non c’era dubbio. Quando lo vedeva non riusciva a capire se lo amava o lo odiava. Da bambina lo aveva segretamente adorato; poi c’era stato l’incidente di mamma, che aveva cambiato tutto, allontanandola anni luce da lui. Ora però sapeva quanto fosse profondo il legame che li univa.”

RECENSIONE
È una lettura molto piacevole e anche se lo sfondo storico è complicato, il libro non risulta difficile, pesante o noioso.
L’intreccio della storia è ben costruito e strutturato con colpi di scena che creano curiosità nel lettore.
I personaggi sono tutti ben descritti sia fisicamente che caratterialmente.
Lo consiglio a chi come me ama le storie di donne forti ed indipendenti che affrontano momenti storici e situazioni difficili.
Ora non vedo l’ora di leggere il secondo capitolo di questa trilogia!!

Voto 7/10
Buona lettura!

Recensione ultimo libro di Christian Jacq

La settimana scorsa ho letto e terminato “Il ritorno della luce” di Christian Jacq e ringrazio la casa editrice Tre60 per avermi inviato la copia cartacea.


TRAMA:
Egitto, 1335. Tutankhamon è solo un bambino quando, alla morte di Akhenaton, viene proclamato faraone. Giovane e inesperto, lo affiancano alla guida del regno il Padre divino Ay e lo scriba reale Horemheb, uomo di grande saggezza e di innumerevoli talenti. I tempi sono cambiati e sotto la nuova reggenza, il culto di Aton, professato durante il regno di Akhenaton e Nefertiti, viene proibito. I suoi fedeli, tuttavia, continuano a praticarlo in segreto e preparano la vendetta per riconquistare il potere. Nel frattempo, l’esercito è allo sbando: Horemheb, nominato generale, si accinge a ricostituirlo per rafforzare le linee di difesa. Ai confini dell’Egitto, infatti, gli ittiti, nemici storici, sono in fermento, e i seguaci di Aton cercano il loro sostegno, esortandoli a invadere il Paese. Per un tragico gioco del destino, il giovane faraone muore in un attentato durante una spedizione militare in Palestina. Le sorti del regno sono nelle mani di Horemheb che diventerà, di lì a poco, il nuovo e grande sovrano. Sostenuto da una straordinaria sposa, non avrà altro figlio che l’Egitto e preparerà il suo Paese al futuro e glorioso Regno di Ramses II.


RECENSIONE:
Con “Il ritorno della luce”, Christian Jacq racconta la storia di Horemheb, lo scriba che divenne prima generale e poi faraone, impedendo all’Egitto di sprofondare nel caos.
Ho già letto tanti libri sull’antico egitto di questo scrittore che adoro e che non delude mai. I suoi libri sono intriganti, coinvolgenti e molto interessanti poiché ti insegnano tante cose su usanze e note storiche su questo popolo.
Dello stesso scrittore consiglio anche il libro su Cleopatra e la serie sul figlio di Ramses.
Voto 5/5

Buona lettura!!

Recensione “Piranesi” di Susanna Clarke

📚Pochi giorni fa ho avuto il piacere di leggere “Piranesi” di Susanna Clarke e ringrazio la casa editrice Fazi Editore per avermi omaggiato della copia cartacea in contemporanea con l’usciva del libro nelle librerie.

Copertina di “Piranesi”


📘TRAMA “Piranesi”:
Piranesi vive nella Casa. Forse da sempre. Giorno dopo giorno ne esplora gli infiniti saloni, mentre nei suoi diari tiene traccia di tutte le meraviglie e i misteri che questo mondo labirintico custodisce. I corridoi abbandonati conducono in un vestibolo dopo l’altro, dove sono esposte migliaia di bellissime statue di marmo. Imponenti scalinate in rovina portano invece ai piani dove è troppo rischioso addentrarsi: fitte coltri di nubi nascondono allo sguardo il livello superiore, mentre delle maree imprevedibili che risalgono da chissà quali abissi sommergono i saloni inferiori.
Ogni martedì e venerdì Piranesi si incontra con l’Altro per raccontargli le sue ultime scoperte. Quest’uomo enigmatico è l’unica persona con cui parla, perché i pochi che sono stati nella Casa prima di lui sono ora soltanto scheletri che si confondono tra il marmo.
Improvvisamente appaiono dei messaggi misteriosi: qualcuno è arrivato nella Casa e sta cercando di mettersi in contatto proprio con Piranesi. Di chi si tratta? Lo studioso spera in un nuovo amico, mentre per l’Altro è solo una terribile minaccia.
Piranesi legge e rilegge i suoi diari ma i ricordi non combaciano, il tempo sembra scorrere per conto proprio e l’Altro gli confonde solo le idee con le sue risposte sfuggenti.
Piranesi adora la Casa, è la sua divinità protettrice e l’unica realtà di cui ha memoria. È disposto a tutto per proteggerla, ma il mondo che credeva di conoscere nasconde ancoratroppi segreti e sta diventando, suo malgrado, pericoloso…


📚RECENSIONE “Piranesi”:
Una lettura unica: l’inizio è semplice e focalizzato su descrizioni della Casa e della vita di Piranesi poi pian piano si intravede tra le righe un mistero, si insinua nella mente del lettore un dubbio sulla Casa e si scoprono man mano nuove verità nascoste..
Mi è piaciuto molto lo stile di scrittura sottoforma di diario personale di Piranesi che ci fa entrare pienamente in contatto con lui, con i suoi pensieri e stati d’animo.
Piranesi è un personaggio che fa venir voglia di abbracciare: è puro ed innocente, ama profondamente la Casa, la pace e la solitudine che essa rappresenta e anche nel tradimento perdona e sorvola su tutto ciò che gli è stato fatto.
Lo consiglio a chi ama il genere fantasy, thriller e mistery.
Voto 8/10

Buona lettura!!

Recensione “La stirpe della gru” di Joan He

Una delle mie ultime letture è stata “La stirpe della gru” di Joan He e ringrazio la casa editrice Oscarvault per avermi omaggiato della copia cartacea.

Copertina di “La stirpe della gru”


TRAMA di “La stirpe della gru”


La principessa Hesina di Yan ha sempre desiderato sfuggire alle responsabilità della corona, per vivere nell’anonimato.
Ma quando il suo amato padre muore, viene gettata nell’arena dei giochi di potere e diventa all’improvviso sovrana di un regno incredibilmente instabile.
Per di più, Hesina è convinta che il re sia stato ucciso, e che l’omicida sia qualcuno che le è molto vicino. La corte è piena di ipocriti che non vedono l’ora di approfittare della morte del monarca per accrescere la propria influenza: ciascuno di loro potrebbe essere l’assassino. I suoi consiglieri vorrebbero che Hesina accusasse il regno confinante di Kendi’a, il cui governante ha già radunato le truppe per la guerra. Determinata invece a trovare il vero colpevole e con qualche dubbio sulla fedeltà della sua stessa famiglia, Hesina compie un gesto disperato: si rivolge a un’indovina, il Giaggiolo argenteo.
Un atto di tradimento, punibile con la morte, poiché la magia nel regno di Yan è da secoli vietata dalla legge. Seguendo le parole della veggente, Hesina chiede aiuto ad Akira, un delinquente patentato dalla mente brillante e acuta, un detenuto che nasconde più di un segreto. Il futuro del regno di Yan è in pericolo: riuscirà Hesina ad avere giustizia per suo padre? O il prezzo da pagare sarà troppo alto?


RECENSIONE “La stirpe della gru”


Nei primi capitoli questo romanzo risulta un po’ noioso e lento ma poi man mano che si avanza nella lettura la storia si evolve diventando intrigante.
Quello che sicuramente ho apprezzato maggiormente è la scelta dell’ambientazione: il mondo asiatico mi ha sempre affascinata.
Ciò che ho apprezzato meno di questo libro sono invece i personaggi poiché alcuni, pur avendo dei ruoli essenziali per la storia, sono un po’ trascurati e conosciamo veramente poco su di loro.
Nel complesso questo romanzo mi è piaciuto e lo consiglio non solo a chi ama il genere fantasy..
Voto 7/10

Recensione di “Le sorelle Chanel”

📚La scorsa settimana ho letto “Le sorelle Chanel” di Judithe Little e ringrazio la casa editrice Tre60 per avermi omaggiato della copia cartacea 😊


📘TRAMA “Le sorelle Chanel”:


Francia, 1897. Albert Chanel, rimasto vedovo e con un lavoro precario, affida le sue tre figlie Julia-Berthe, Gabrielle e Antoinette alle suore dell’orfanotrofio di Aubazine.
Educate per diventare perfette donne di casa, Gabrielle e Antoinette mostrano da subito una particolare attitudine per il cucito. In convento sono costrette a indossare divise dal taglio severo, ma di sera, sfogliando di nascosto romanzi e riviste di moda, sognano una vita diversa, fatta di abiti eleganti e affascinanti gentilhommes della haute societé.
Così, a diciotto anni Gabrielle l e Ninette lasciano il convento e lottano, unite e determinate, per dimostrarsi degne di quella società in cui non si sono mai sentite accettate. Per la prima volta, fanno ingresso nei Café chantant di Moulins, nelle sale da concerto di Vichy, sino ad approdare a Parigi dove, tra speranze e delusioni, l’apertura di un piccolo negozio di cappelli, in rue Cambon, segna per loro la grande svolta.
È l’inizio di un’attività commerciale di successo che si espanderà nelle località più esclusive di Francia.
Ma lo scoppio della Prima guerra mondiale cambierà per sempre le loro vite: sarà allora che le due sorelle dovranno fare ricorso a tutto il loro coraggio e conquistarsi il loro posto nel mondo, anche a costo di separarsi l’una dall’altra.


📚RECENSIONE “Le sorelle Chanel”:


La storia di due donne straordinarie che, tra mille difficoltà, sono riuscite a realizzare i propri sogni e a creare una delle più grandi case di moda del mondo.
Le loro idee innovative, la loro voglia di indipendenza e di migliorare la propria situazione sociale ed economica andando contro corrente in un periodo storico in cui le donne erano screditate se non sposate e in cui le differenze tra ceti sociali erano molto sottolineate.
Un libro davvero bello: ben strutturato e curato in tutti i dettagli e la storia è davvero molto interessante, mai scontata o noiosa.
La storia è basata su fatti veri e alla fine del libro sono riassunte tutte le date, nomi e luoghi trovate in registri e da altre fonti storiche.
Lo consiglio a chi ama le storie di donne forti e a chi ancora non conosce la vera storia delle origini di questa grande stilista.


Voto 4/5

Foto di “Le sorelle Chanel”

DESENIO: idee per arredo casa

Oggi, visto il tanto tempo che stiamo passando in casa ultimamente, volevo parlarvi di arredamento ed in particolare di quadri e poster.

Il trend del momento è quello della semplicità e del minimalismo che rende gli ambienti, con l’aiuto di pochi dettagli come dei quadri semplici, molto elegante e ricercato.

Altro accostamento in voga è quello dei due poli opposti: il bianco ed il nero. Questa combinazione senza tempo è semplice e luminosa e non passa mia di moda.

Una delle altre mode del momento è quella di accostare più quadri anche di misure differenti (ma tutti di dimensioni piccolo-medie) ma che siano in sintonia per esempio varie scritte, foto di vegetazione ma con gli stessi toni colore o mix di scritte con foto di paesaggi o ambienti ma tutte monocromatiche.

Un sito dove si possono trovare molti spunti, idee e arredare le pareti di casa in modo semplice e spendendo il giusto prezzo è Desenio https://desen.io/debbiesoncini

Desenio è un negozio online per gli appassionati di arredamento e design!
La loro missione è semplice: arte da parete elegante e moderna per tutti.
Dal 2010, anno della loro fondazione, sono cresciuti costantemente e oggi i loro negozi online sono disponibili in più di 30 paesi.

In Desenio troverai una vasta gamma di poster e accessori di montaggio come cornici, mensole per quadri, clip e ganci spesso ispirati allo stile scandinavo.
Qui ti assicuro che troverai qualcosa per ogni stanza e ogni stile!

Io sono innamorata delle loro idee e ho loro quadri e poster in ogni stanza di casa!

A presto e buon arredo casa!

Recensione “Il viaggio di Halla” di Naomi Mitchison

📚La scorsa settimana ho letto “Il viaggio di Halla” di Naomi Mitchison e ringrazio la casa editrice Fazi Editore per avermi omaggiato della copia cartacea 😊


📘TRAMA DI “IL VIAGGIO DI HALLA” :
Questa è la storia di Halla, figlia di un re che decide di abbandonarla. Qui viene accudita dagli orsi e poi cresciuta dai draghi sulle montagne rocciose; ma il tempo dei draghi, minacciati dagli odiosi e crudeli esseri umani, sta per finire. Odino, Padre di tutte le cose, offre ad Halla una scelta: vivere alla maniera dei draghi, accumulando tesori da difendere, o viaggiare leggera e attraversare il mondo con passo lieve.
Iniziano così le fantastiche avventure della ragazza, che girovagherà alla scoperta di nuove terre e antiche leggende, in mezzo a creature incredibili, luoghi misteriosi e magie dimenticate. La sua conoscenza di tutti i linguaggi, sia quelli umani che quelli animali, la aiuterà ad andare oltre le apparenze, ma anche a mettere in discussione ciò in cui ha sempre creduto, mentre affronta, una dopo l’altra, le nuove sfide sul suo cammino.


📚RECENSIONE:
“Il Viaggio di Halla” è classico della letteratura fantasy del Novecento di una scrittrice tutta da riscoprire, grande amica e prima lettrice di Tolkien.
La scrittrice ci prende per mano e ci conduce in una favola senza tempo, dove le divinità dei miti nordici convivono con i personaggi della letteratura fantasy per mostrare il valore di tolleranza, generosità e vera amicizia.
Un libro delicato e pieno di significato con una scrittura dolce e curata.
Con “Il viaggio di Halla” la scrittrice ci fa intraprendere questo viaggio da un’adolescenza piena di magia a un’età adulta difficile piena di interrogativi sul fututo e si conclude con la presa di coscienza di nuove consapevolezze.
Voto 4/5

📚ESTRATTO “IL VIAGGIO DI HALLA”:

“Ma Halla era deliziata da tutto questo e affondò i talloni nudi nei fianchi squamosi del drago che, con un moto sinuoso e un crepitio di scintille, si inoltrò nella foresta incendiando per sbaglio, di quando in quando, un cespuglio o un cumulo di foglie secche di betulla o di quercia, oppure la pelliccia di qualche animale che era troppo orgoglioso o troppo stupido per togliersi di mezzo.”

Copertina di “Il viaggio di Halla”

Mini tour alla scoperta della Sicilia 🍋

Alla scoperta della Sicilia..

Il 2020 è stato un anno particolare e causa pandemia Covid-19 sono stata costretta ad annullare vari viaggi che stavo organizzando già da molto tempo (India e Canarie).

Per le mie ferie estive ho deciso così di andare alla scoperta della nostra bellissima Italia e ho scelto una regione di cui sento spesso parlare ma non avevo ancora mai visitato: la Sicilia.

Abbiamo scelto di visitare la zona di Palermo-Trapani e grazie ad amici originari di quelle zone che ci hanno fatto da guida abbiamo scoperto luoghi bellissimi.

Ho deciso di lasciarvi qui di seguito i luoghi che dovete assolutamente vedere o cose che dovete assolutamente fare se vi recate in quelle zone.

Castellammare del Golfo
sorge sulla costa occidentale della Sicilia, in provincia di Trapani.
Si tratta di una caratteristica cittadina affacciata sul mare ed è proprio la sua posizione geografica ad averne scritto la storia (nasce nell’antica grecia come città portuale della vicina Segesta).
Bella da vedere sia di giorno per fare una bella colazione o pranzo vista mare oppure alla sera per una buon cena di pesce con successiva passeggiata tra le viuzze piene di negozietti caratteristici.
Il golfo di Castellammare offre vari scenari: partendo dalla costa rocciosa e frastagliata nella zona di Scopello, per arrivare alle spiagge dorate di Guidaloca.

Noleggiare una barca o un tour guidato per il golfo di Castellammare
Consiglio questo mezzo poiché è il piu comodo e suggestivo per raggiungere per raggiungere le varie calette e grotte che troviamo lungo questa costa.

Ce n’è sono una decina in totale di calette tutte molto belle con acqua cristallina e fondali ricchi di pesci e vegetazione, infatti, consiglio di portare con sé maschera e occhialini per fare snorkeling (anche un semplice paio di occhialini se siete poco esperti vi permetterà comunque di vedere tutte le meraviglie del fondale).
È davvero spettacolare anche raggiungere e vedere dal mare Scopello con i suoi famosi Faraglioni (in cui hanno girato molte pubblicità).

Templio di segesta
Situato a pochi chilometri da Alcamo e da Castellammare del Golfo.
Custodisce, all’interno del parco archeologico, un tempio in stile dorico e un teatro di età ellenistica, in parte scavato nella roccia della collina. Altri scavi hanno portato alla luce una cittadina ellenistico-romana e un borgo medievale.
Consiglio anche, dopo la visita, di proseguire in salita lungo la strada del parcheggio per raggiungere la cima di uno spiazzo su una collinetta di fronte al tempio per poter scattare foto da una prospettiva più alta del templio.

Favignana
L’isola di Favignana fa parte dell’arcipelago della Egadi.
Noi abbiamo deciso di raggiungerla con traghetto da Trapani (consiglio di prenotare online i biglietti) della durata di circa mezzora.
Una volta arrivati sull’isola ci siamo recati di fronte al porto per noleggiare uno scooter cosi da poter girare in autonomia e velocemente tutte le varie calette dell’isola.

Favignana offre scenari spettacolari con diverse tipologie di calette: rocciose con pareti altissime dove tuffarsi nell’acqua dalle sfumature blu-azzurre, di sabbia bianchissima e acqua cristallina e scogliere che scendondono lentamente in mare.
Molto bello anche raggiungere il faro e il castello per avere una panoramica dall’alto dell’isola.

Saline di Trapani
La riserva naturale orientata delle Saline di Trapani è un’area naturale protetta della Sicilia all’interno della quale si esercita l’antica attività di estrazione del sale marino.
Noi abbiamo deciso di vederla verso l’orario del tramonto così da vedere riflesse sul sale tutte le sfumature del rosa del cielo.
Non dimenticatevi di passare a vedere il vecchio mulino posto vicino alle saline.. Davvero spettacolare e suggestivo come luogo.

Erice
Borgo molto caratteristico in roccia situato sul monte Erice in provincia di Trapani.
Mentre lo si raggiunge non si può che rimanere meravigliati dalla vista panoramica che ci si ritrova davanti agli occhi.

Una volta raggiunto il parcheggio esterno si entra a piedi nel borghetto e si cammina tra viuzze di ciottoli circondate da pareti im roccia e negozietti tipici.
Consiglio di raggiungere il castello Venere e il Duomo.

San vito lo Capo
Un paesino molto caratteristico dalle stile un po’ orientale con le vie piene di fiori colorati e negozi di ceramiche e souvenir.
E che dire della spiaggia di finissima sabbia bianca e acqua cristallina!
Se siete nei dintorni consiglio di passarci un intera giornata qui.

Purtroppo il lavoro ci ha permesso di dedicare solo una settimana alla scoperta di questa meravigliosa isola ma sicuramente ci torneremo per visitarne altre zone..

Nel mentre sto gia progettando un altro piccolo tour per questo autunno alla scoperta della Toscana (per il momento visto la pandemia in corso non me la sento di rischiare ad uscire dall’italia).
Quindi continuate a seguirmi perché presto arriverà anche l’articolo sulla Toscana.

A presto 😊

Recensione ultimo libro fantasy 📚

📚In questi giorni ho letto il libro “moon angeles – effetto farfalla” di @francesca_bufalo_autrice (con questo nickname la trovate anche su Instagram) ed ora eccomi qua con la recensione… 😊


📘TRAMA:
“Devo dimenticarmi di lui, come hai fatto tu con Zafirah? Perché sei stato proprio bravo in questi secoli. Ti sei lasciato guidare dal rancore e dalla vendetta. Ed ecco cosa è accaduto! È colpa tua! Tutto questo è colpa tua, se non ti fossi intromesso forse a quest’ora non saremmo a questo punto, io… Tu lo hai fatto andare via, sei stato tu! “
Era ingiusto incolparlo o forse no, ma non le importava, stava male perché Gabriel l’aveva lasciata, senza guardarsi indietro, senza salutarla per l’ultima volta.
Selen presa dalla rabbia incontrollabile lo schiaffeggio’ in pieno volto perché non sopportava che Samael la commiserasse con quegli occhi verdi, intensi ed ammaglianti che avevano il potere di vederla dentro…


📚RECENSIONE:
Adoro il genere fantasy, come ben sapete, e questo è uno dei libri piu belli di questo genere che abbia letto ultimamente!
Un libro intenso da leggere tutto d’un fiato.
L’ infinta lotta tra bene e male, angeli e demoni.. E se non fosse tutto cosi semplice? Se un demone iniziasse ad amare e un angelo caduto fosse assorbito dal male? E se tutto questo fosse scatenato da una ragazza unica nel suo genere ignara di questo mondo?
Quelle grandi storie d’amore circondate da un alone di magia e soprannaturale come piacciono a me..
Io ve lo stra consiglio e spero che presto esca il seguito😬
Voto 4/5

#recensionilibri #libridaleggere #libri #ioleggo #librichepassione #bloggeritalia #recensioni #leggere